5 passi per una relazione felice: come risolvere i problemi con i figli

Molte volte mi è capitato di lavorare con una mamma che mi dice “non so più come risolvere i problemi con mio figlio”; “non so più come prendere mio figlio”; “non capisco cosa passa per la testa di mia figlia”; “il problema nella nostra famiglia è mio figlio”.

Ogni volta che mi relaziono con un genitore che non possiede strumenti idonei per comprendere e/o migliorare il rapporto con i propri figli, per prima cosa lo ringrazio di essere venuto da me. Si, proprio così. Lo ringrazio di cuore perché un genitore che accetta di mettersi anche in discussione pur di vedere un figlio felice, è degno di stima e rispetto.

Molti preferiscono fare come gli struzzi e di fronte a problemi familiari “mettere la testa sotto la sabbia”.

Questo atteggiamento non solo non porta alla risoluzione di alcun problema familiare, ma in realtà ne amplifica la risonanza.

1. Eliminare il giudizio

Se un figlio manifesta un disagio, si chiude in se stesso o prova rabbia verso un genitore il primo passo da fare è non giudicarlo.

Non giudicare un figlio significa mettersi in ascolto, non partire prevenuti, non considerare il suo atteggiamento un rifiuto verso il genitore bensì un segnale che qualcosa deve essere modificato.

Per cui, per favore, lascialo parlare.

2. Osserva tuo figlio

Il 2° passo, nel caso tuo figlio eviti un confronto o si chiuda in se stesso, è di osservarlo. Questo non significa spiarlo o avere tutto sotto controllo, ma osservare l’atteggiamento e le modalità del suo “problema”.

Ad esempio, se tuo figlio manifesta un eccesso di rabbia, sarà utile chiederti in quali occasioni la manifesta, quali comportamenti altrui scatenano in lui un eccesso di rabbia, con quali familiari la sfoga abitualmente ecc…

3. Condividi con lui qualcosa che ama

Il 3° passo è la condivisione. Condividi con lui attività che ama o “pretendi” che faccia ciò che piace a te o che ti piaceva quando eri piccola? Se ti chiede di vedere con lui un film particolare o di guardare un video o magari andare a un concerto insieme… Trovi il tempo di condividere le “sue” passioni?

4. I grandi sono grandi, i piccoli sono piccoli

Questa frase di Bert Hellinger è un assunto delle Costellazioni Familiari per cui, in un sistema familiare, i grandi sono i genitori e i piccoli i figli.

SEMPRE, anche quando un figlio diventa adulto.

Sentire che si è GRANDI ci allontana dal mito di essere “amici dei propri figli” o come “fratello e sorella” . Voi siete i genitori. Punto. E non sapete quanto fa bene ai ragazzi avere delle regole. Anche se poi le contrasteranno, i figli vogliono avere dei riferimenti!

rapporto genitori figli

5. Il quinto passo è sapere a chi rivolgersi e chiedere aiuto

Un tempo si riteneva, sbagliando molto a mio avviso, che chi andava da uno psicologo o in analisi era “debole” e non in grado di farcela con le proprie gambe.  I fatti, in realtà, dimostrano il contrario. Professionisti, attori, registi, imprenditori, ricercatori, scrittori, hanno più volte dichiarato come la psicoterapia o lavori di introspezione li avessero aiutati a conoscere meglio se stessi, migliorando la loro autostima e le loro relazioni.

A chi rivolgersi quindi quando si hanno problemi con i figli e si vuole avere un quadro più chiaro della situazione?

Oltre ai lavori di sostegno familiare o all’ausilio dello psicoterapeuta, si è conquistato un posto di riguardo la figura del Costellatore Familiare.

Nel mio lavoro come Costellatrice, dispongo di strumenti importanti per comprendere a quale familiare di riferimento “sta facendo il verso” un ragazzo.

Più semplicemente: se un figlio manifesta un eccesso di rabbia, io lavoro prevalentemente con la madre su quali eventi siano avvenuti nel sistema familiare (anche fino a due o tre generazioni indietro)  che ancora “agiscono” nel comportamento del giovane.

Ogni sistema familiare tende a compensare qualcosa già avvenuto in passato.

Io punto il FOCUS sugli avvenimenti accaduti ai vari membri del sistema familiare ed indirizzo la SOLUZIONE nel liberare il figlio da schemi disfunzionali che non gli appartengono.

È un lavoro meraviglioso e potente che può, in breve tempo, portare a risultati incredibili.

Se vuoi approfondire su come risolvere i problemi con i tuoi figli, possiamo concordare un appuntamento conoscitivo via Skype, prenota la tua sessione a questa pagina, oppure Contattami.

“I figli stanno bene quando la madre sta bene. “ Bert Hellinger, ideatore delle Costellazioni Familiari Sistemiche.

Ti ricordo, infine, di iscriverti alla mia newsletter per rimanere aggiornato su tutti i nuovi articoli del blog.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *