Lavoro su sé stessi estate

Lavoro su sé stessi in estate: perché è il momento migliore?

Siamo a ridosso delle ferie e le persone, stanche e accaldate, non aspettano altro che poter staccare con tutti i loro “doveri” per godersi un meritato, anzi, meritatissimo riposo. Sembrerebbe quindi il momento meno adatto per un lavoro su sé stessi e per sciogliere dinamiche non funzionali o legami con la sofferenza.

Perché dico “sembrerebbe”? Perché non è affatto così.

Il periodo estivo è il migliore da dedicare al lavoro su sé stessi

Mi rendo conto che è proprio nei momenti di maggiore stanchezza che assisto a dei veri miracoli.

Il miracolo per me avviene quando una persona cede a sé stessa e si lascia andare, affronta i suoi vuoti antichi per riempirli di nuove colorate emozioni.  

Chi ha passato dei periodi molto duri, o ha sopportato il peso di situazioni relazionali pesanti fino a farle diventare “croniche”, ha dovuto passare dei momenti di eccessivo carico e stanchezza; sono proprio quelle persone che trovano meno opposizioni interne alla felicità, alla libertà e al vivere nel “qui e ora”.

Perché avviene ciò?

Perché il nostro giudice interno, quello che per anni ci ha fatto sentire inadeguati, tartassandoci di sensi di colpa e racchiudendo continuamente gli ammonimenti dell’infanzia, gli abbandoni e le sofferenze causate dai nostri familiari e conoscenti, molla un po’ la presa.

Per un insieme di cose, che possono andare dal caldo alla stanchezza, dal sollievo della vacanza alla liberazione dell’abitudinario, ho notato che durante l’estate le persone hanno una tendenza esuberante alla felicità.

donna felice in spiaggia tramonto

Ed è proprio questa felicità, insieme ad un’esplosione di sole e colori che illumina il buio della nostra anima, che ci spinge al miglioramento, costringendoci ad uscire dal guscio e a metterci all’opera.

Sono molte le persone che sono riuscite a sciogliere importanti nodi proprio in questo periodo; altre invece hanno trovato, sempre nel periodo estivo, la voglia di iniziare un nuovo magico lavoro su sé stessi con me.

Lo definisco magico perché nessun processo di guarigione può avvenire senza la piena responsabilità di affrontare il lavoro su sé stessi e nessuna guarigione può essere “concessa” esternamente a chi non sia pronto a guarire. La magia deve partire da dentro.

La responsabilità della guarigione, del benessere e della felicità è soltanto tua!

Cosa posso fare io per te?

Quello che posso offrirti io è la mia esperienza ventennale, la mia completa guarigione da una lunga malattia, la potenza ottenuta dall’aver attraversato e superato prove incredibili e la certezza di poter donare questo mio lunghissimo percorso a beneficio della TUA vita.

Si apprende molto dall’esempio più che dalle parole, e l’esempio che posso darti è di aver trasformato la mia sofferenza in un cavallo di battaglia.

E se ce l’ho fatta io, ce la farai anche tu!

Fidati di me.

Ti garantisco che sarò io stessa a seguire il tuo percorso e non i miei collaboratori; ti garantisco che ti seguirò personalmente e che sarò molto attenta alle tue esigenze, assicurandomi che riuscirai a raggiungere tuoi obiettivi.

Tu però devi garantirmi che davvero vuoi farcela.

Ho visto troppe persone abbandonare il percorso a metà, crogiolandosi nel ruolo di vittime. Questo non lo trovo giusto, in particolare per chi ha dei figli.

Infatti, come afferma Bert Hellinger, ideatore delle Costellazioni Familiari:

“I figli stanno bene quando la madre sta bene”.

Qual è il ruolo della madre?

Ritengo che una brava madre debba innanzitutto riuscire a fare da madre a sé stessa. Il lamento di una madre di fronte ai figli e la sua mancata realizzazione affettiva, lavorativa o relazionale, influisce pesantemente su di loro.

Su questo punto concentro i miei sforzi ormai da anni, perché so cosa significa per un adolescente sentirsi solo, non ascoltato e in balia di forti turbe emozionali.

La solitudine è il male peggiore per i giovani e un lavoro specifico sulla madre fa spesso miracoli!

Laddove non ci siano gravi ostacoli al lavoro personale di natura fisica o economica, c’è sempre la possibilità di fare un lavoro per i propri figli.

Spesso basta un piccolo sacrificio economico oggi per evitare anni e anni di psicoterapie domani, per non parlare di problemi più gravi come depressioni o auto-boicottaggi nel lavoro.

Fortunatamente molte madri oggi hanno acquisito una maggiore consapevolezza interiore e i benefici sui figli sono davvero grandi. Immensi.

E io sono la prima a festeggiarne i risultati.

Ti lascio la testimonianza di Francesca, dopo sole 2 sedute con me via Skype.

Mi giungono continue sollecitazioni sia nel lavoro che nelle relazioni sociali. È incredibile! Sono davvero grata di averti incontrato e di avere la fortuna di lavorare con te; la fiducia che ho avvertito in te, sin dal principio, è ampiamente soddisfatta. Non vedo l’iora che arrivino i prossimi appuntamenti. Aggiungo una cosa FANTASTICA: dopo le nostre sedute mia figlia ha ricominciato a dormire da sola senza dipendere dalla mia presenza! Ti abbraccio forte Laura.

Scopri cliccando qui come lavorare con me nel mese di Luglio.

Grazie fin da ora, per aver scelto di essere una donna e una madre felice!

Contattami o prenota la tua sessione su Skype  >>> 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *